Torna a tutti gli articoli

Dal 15 febbraio due nuovi Baby Pit Stop

Due Baby Pit Stop saranno aperti al pubblico presso il Museo nazionale di Matera, sede di Palazzo Lanfranchi e ex Ospedale San Rocco a partire dal 15 febbraio 2024, frutto della collaborazione tra il Museo e il Club Soroptimist Matera.

 

Il Club Soroptimist Matera ha aderito al progetto promosso dall’Unicef ed accolto dal Soroptimist International d’Italia, sottoscrivendo un Protocollo di collaborazione, per garantire i diritti sanciti dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza.

Nell’accordo viene promosso il diritto alla salute e l’importanza dell’allattamento, sia come bisogno primario sia come momento di crescita affettiva e culturale” dichiara Patrizia Minardi del Comitato Pari opportunità Soroptimist International. “Sono spazi accessibili a tutti, attrezzati dal Club Matera, dedicati all’allattamento, pensati nella bellezza dei luoghi della Cultura e rivolti alle donne e alla cura dei loro bambini” interviene Cristina Amenta, responsabile dell’area sostenibilità del Club Matera che ha allestito gli spazi.

I due baby pit stop si aggiungono a quello attrezzato presso il Museo Archeologico D. Ridola.

La Direttrice del Museo Annamaria Mauro dichiara: “La creazione di uno spazio dedicato all’accoglienza delle mamme, dei papà e dei bambini all’interno di Palazzo Lanfranchi e dell’Ex Ospedale San Rocco completa e apre nello stesso tempo ad una nuova visione dello spazio culturale, inclusivo e accessibile a tutti”.

Gli spazi riservati sono allestiti al piano terra, dotati di una comoda seduta, di un fasciatoio e di un angolo attrezzato con tavolino e sedia per bambini dove sono a disposizione materiale di cancelleria e piccoli giochi. L’ambiente è reso accogliente e vivace dalla presenza delle opere visionarie e fantastiche dell’artista spagnolo Felipe C. Risco.

Il Baby Pit Stop è un servizio gratuito.

 

 

 

 

Museo Nazionale di Matera © 2022 – Tutti i diritti riservati
Privacy Policy | Termini di Utilizzo | Crediti