Alabastron

Autori Ignoti, -330 -320, Domenico Ridola

Osservando gli oggetti della Collezione di antichità Rizzon l’attenzione è immediatamente attratta dal cospicuo e riccamente decorato complesso di vasi. Si tratta di un nucleo di documentazione di notevole rilievo per la molteplicità di forme vascolari e di iconografie attestate nonché per la singolarità di diversi manufatti, alcuni anche di dimensioni monumentali. 

(continua a leggere) 

  • Autori Ignoti
  • -330 -320
  • Via Domenico Ridola, 24, 75100 Matera MT
  • Ceramica
  • Ceramica a figure rosse
  • 164535
  • Alt. 29; diam. orlo 8; diam. piede 6
  • Museo Nazionale di Matera

La raccolta originaria di Paolo Rizzon conservata a Bari, comprendeva una numerosa serie di manufatti archeologici; lo Stato, nel 1990, ha acquistato un lotto di essi (tutti eccellenti produzioni a figure rosse di officine ceramiche magno greche), indirizzati a formare un apposito nucleo espositivo, attualmente allestito presso la sede “Domenico Ridola” del Museo Nazionale di Matera.

La Collezione Rizzon comprende una straordinaria selezione di esemplari italioti dalla decorazione complessa ed originale. Essa si configura come un ricco e vario campionario delle principali creazioni ceramiche realizzate nelle colonie greche del golfo ionico in circa un secolo e mezzo di fervore produttivo. Gli esemplari più antichi sono i vasi di produzione lucana, fabbricati a partire dal 440-430 a.C. dal pittore di Pisticci, cui seguono quelli dei pittori di Άmykos, Dolone e altri ancora operanti tra la fine del V e il IV sec. a.C. Infine, nella stessa collezione sono attestati anche numerosi vasi di produzione apula provenienti da officine ceramiche di eccellente qualità artistica, attive tra il 390 e il 300 a.C., in cui operavano ceramografi noti come i Pittori di: Tarporley, Ilioupersis, Varrese, Dario, Patera, Baltimora e Sàkkos Bianco.

M. Catucci, L. Todisco, Corpus vasorum antiquorum vol. 73 - Matera, Museo nazionale «Domenico Ridola». Collezione Rizzon, Rome, 2007
CVA 73 - Matera, 61, 1-3
RVAp II, 26/383a

Museo Nazionale di Matera © 2021 – Tutti i diritti riservati
Privacy Policy | Termini di Utilizzo | Crediti

EnglishItalian